.
Annunci online

metapolitica
Idee in libertà, idee di libertà

politica interna
23 febbraio 2017
Per cosa sarà ricordato Matteo Renzi?

Attraverso il Jobs Act Renzi ha rottamato quella parte del diritto del lavoro che garantiva dignità ai lavoratori dipendenti impedendo ai datori di lavoro di commettere soprusi ai loro danni. Con il  Jobs Act il lavoratore dipendente vittima di licenziamento ritenuto illegittimo dal giudice potrà essere reintegrato nel posto di lavoro solo in rari casi; di norma è prevista un’indennità risarcitoria. Non solo. Renzi ha anche concesso ai datori di lavoro la possibilità di demansionare i dipendenti e di controllare a distanza i loro strumenti di lavoro. Il lavoro dipendente non è stato però l’unica vittima della furia rottamatrice di Renzi. Anche il Partito Democratico è caduto sotto i suoi colpi. Con Renzi alla guida il PD ha cessato di essere un partito plurale, con diverse anime a dare ciascuna il proprio contributo all’elaborazione di una linea politica unica. Ed è diventato il partito del suo leader, la cui volontà non può e non deve essere messa in discussione. Per Renzi  la minoranza interna al PD non è mai stata una risorsa dalla quale attingere stimoli e suggerimenti utili alla buona conduzione del partito e del paese, ma un oppositore da isolare, da mettere a tacere e da ridurre all’insignificanza politica con qualsiasi mezzo. Che poi questo ostracismo abbia spinto molti membri di quella minoranza interna ad abbandonare il partito per cercare altrove quella libertà di pensiero e di parola e quella dignità politica che Renzi ha negato loro, poco importa! Chi pensa che Renzi in questi giorni stia lavorando alacremente per risolvere i gravissimi problemi che affliggono il suo partito (la scissione è nei fatti) e il suo paese (la UE minaccia di aprire una procedura contro l’Italia per infrazione delle regole europee sui bilanci degli stati membri) si sbaglia di grosso. Dov’è Renzi? E’ in viaggio in California. Un viaggio del quale da quotidianamente conto agli italiani attraverso il suo blog. Buon lavoro, Matteo!

Massimo Virgilio




permalink | inviato da metapolitica il 23/2/2017 alle 9:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
  
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 172922 volte