Blog: http://metapolitica.ilcannocchiale.it

4 settembre 1904. Eccidio dei minatori di Buggerru.

Il 4 settembre del 1904 lo sciopero dei minatori di Buggerru, in Sardegna, - che protestavano contro l'insostenibile durezza delle condizioni di lavoro imposte dalla parigina Societè Anonyme des Mines de Malfidano, proprietaria della miniera, - fu represso nel sangue. Il governo italiano, su richiesta della società mineraria francese, inviò a Buggerru due compagnie del 42 Reggimento di Fanteria per costringere con la forza i minatori in sciopero a rinunciare alle loro rivendicazioni e a riprendere il lavoro. I lavoratori si opposero con determinazione al diktat imposto dal governo e dai proprietari della miniera. L'esercito rispose sparando sulla folla. Alcuni minatori furono uccisi e altri feriti. Le proteste e le manifestazioni che si svolsero in tutta Italia a seguito dell'eccidio di Buggerru portarono alla proclamazione di uno sciopero generale nazionale che fu il primo sciopero di questo tipo in Europa e al quale, dal 16 al 21 settembre 1904, aderirono migliaia e migliaia di lavoratori italiani di tutte le categorie. Come ha scritto il Comune in una targa commemorativa, ai martiri di Buggerru andrà per sempre la nostra riconoscenza.

Massimo Virgilio 
Metapolitica blog

Pubblicato il 3/9/2017 alle 17.27 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web